Defibrillation Day

Fai una vita di differenza, bastano poche semplici manovre per salvare una vita

I volontari della Croce Bianca Rapallese partecipano alla giornata nazionale per sensibilizzare la popolazione alla Defibrillazione Precoce frutto del progetto FACILE DAE, con prove pratiche.

3 mosse per salvare una vita: un evento nazionale per promuovere la cultura della defibrillazione precoce, partendo dall’esperienza di volontarie e volontari e dal radicamento territoriale delle pubbliche assistenze Anpas, fondamentale per far comprendere a tutti la semplicità e l’importanza dell’uso precoce del defibrillatore per salvare vite umane.

“Come ricorda il presidente Anpas Fabrizio Pregliasco come Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze sappiamo che la conoscenza delle manovre salvavita è fondamentale e per questo siamo pronti con i nostri centomila volontari e volontarie a essere agenti contaminanti nella prevenzione. Una comunità cardioprotetta è una comunità più sicura. Iniziative come la divulgazione delle manovre sull’uso del defibrillatore sono un elemento di civiltaà” - dichiara la dottoressa Elena Pellegrini, responsabile per la formazione dell’Ente - “È, pertanto un onore, per noi della Croce Bianca Rapallese, con i colleghi della sezione di Zoagli, essere presenti domenica con i nostri volontari per far vedere a tutti coloro che vorranno partecipare e venire al gazebo quanto sia facile usare il defibrillatore”.

“I dati citati dalla presidente di Progetto Vita, Daniela Aschieri, sono impressionanti e a noi ben noti purtroppo” - prosegue Fabio Mustorgi, presidente della Croce Bianca Rapallese - “Ogni 8 minuti una persona muore per un arresto cardiaco, e in Italia abbiamo oltre 60.000 casi ogni anno. Utilizzando il defibrillatore entro i primi minuti dall'evento, il 40 – 50 % delle persone colpite da infarto potrebbe essere salvato; parliamo di 20/30 mila persone che ogni anno potrebbero farcela.”

“Ecco perché è fondamentale che si diffonda il messaggio che usare il defibrillatore in caso di emergenza non è una cosa per addetti ai lavori, medici, infermieri, soccorritori, ma chiunque di noi lo può fare. E così facendo, può letteralmente salvare una vita.” - concludono Pellegrini e Mustorgi, dandoci appuntamento domenica 14 maggio a Zoagli.

Un percorso condiviso. Questa iniziativa nasce dalla collaborazione di Anpas, con l’associazione Progetto VITA-ODV e con IRC Comunitaà-APS con le quali lo scorso 28 febbraio è stato sottoscritto un protocollo di intesa per il progetto FACILEDAE. Le organizzazioni, che si sono impegnate a far promulgare dal Parlamento la recente Legge 116/2021, che rende possibile l’utilizzo del defibrillatore a tutti i cittadini senza alcuna responsabilità e senza l’obbligo di una certificazione a seguito di un corso specifico, solleciteranno i Ministeri competenti all’emanazione dei decreti attuativi chiedendo anche alle Regioni l’eliminazione delle farraginose procedure burocratiche per la formazione all’uso del defibrillatore. Congiuntamente saranno realizzati spot televisivi e studi scientifici.

P.za XXVII Dicembre, 16035 Zoagli GE, Italia

14 maggio 2022

Galleria evento:

(tutte le foto verranno caricate ad evento completato):